Riscaldamento, parte la stagione termica
Riscaldamento, parte la stagione termica

Tutte le notizie

Ambiente

Riscaldamento, parte la stagione termica

Fino al 15 aprile sarà possibile accendere gli impianti per riscaldare la casa fino a un massimo di 14 ore per giornata. Oltre 100mila gli appartamenti di Milano raggiunti dal teleriscaldamento di A2A

Termosifone

Milano, 15 aprile 2015 - Termosifoni accesi in case, scuole, uffici ed edifici pubblici. Parte il 15 ottobre e durerà fino al 15 aprile, la stagione termica, il periodo dell'anno più freddo in cui è consentito accendere gli impianti di riscaldamento fino a un massimo di 14 ore al giorno. 

Sempre più ampia la rete di teleriscaldamento realizzata da A2A. Sono oltre 185mila gli appartamenti equivalenti (pari a 80 mq) raggiunti dal servizio nella Città Metropolitana, di cui 100mila solo a Milano (il 10% in più rispetto all’anno scorso). In totale, sono circa circa 45 milioni i m3 riscaldati dalla rete, mentre a fine 2015 saranno circa 12 i km di nuova rete di teleriscaldamento posata a Milano. 

Nel corso del 2014 il teleriscaldamento ha permesso di evitare l’emissione di circa 4,3 tonnellate di polveri sottili, 84 mila tonnellate di CO2, 108,8 tonnellate di NOx, 39,5 tonnellate di SO2 e un consumo di 29 mila tep (tonnellate equivalenti di petrolio). 

A partire da quest’anno un importante contributo verrà dato dal calore generato dall’impianto industriale Vetreria Vetrobalsamo di Sesto San Giovanni. Grazie alla possibilità di prelevare il calore prodotto dalla centrale di geo-cogenerazione di Canavese che sfrutta l’energia geotermica del sottosuolo, inoltre, altri tre edifici storici del Comune di Milano utilizzeranno come fonte di calore il teleriscaldamento. Agli oltre 20 edifici comunali già allacciati - tra cui Palazzo di Giustizia, la Biblioteca Sormani, scuole e centri per anziani - si aggiungeranno nei prossimi mesi anche Palazzo del Capitano - sede centrale della Polizia Locale - Palazzo Reale egli uffici di via Dogana. 

Tutto il piano di sviluppo del teleriscaldamento in città è definito e attuato in coerenza con gli indirizzi in materia urbanistica e di programmazione degli interventi sulla viabilità definiti con il Comune di Milano. 

Le reti del teleriscaldamento di A2A, alimentate principalmente da fonti rinnovabili - termovalorizzazione e pompe di calore – e da sistemi di produzione simultanea di elettricità e calore ad alto rendimento e garantiscono un consistente risparmio di combustibili fossili (ad esempio gasolio e metano), fornendo un servizio con elevati standard di qualità, sicurezza e rispetto per l’ambiente.

Prosegue anche l’attività di ispezione ad impianti e centrali termiche svolta dal Comune di Milano. Dai rilievi emerge che 1 impianto su 4 risulta fuori norma. La maggior parte delle irregolarità è legata a questioni di sicurezza. Con gli Sportelli Energia il Comune di Milano dal 2013 ha iniziato un’intensa attività di formazione e informazione verso i cittadini, che possono venire a conoscenza degli obblighi di legge e delle buone pratiche.